Gabriela Spector - Pittrice e scultrice

Title
Vai ai contenuti








gabriela spector

pittrice e scultrice








l'artista

Gabriela Spector nasce nel 1968 a Tucumán, nel nord dell’Argentina.
Frequenta la Faculdad de Bellas Artes nella sua città natale.
Dopo la laurea, grazie a una borsa di studio, si trasferisce in Italia.

Un “ritorno”, quello nel Vecchio Continente (i suoi antenati sono ebrei originari dell’Europa dell’Est), che le permette di perfezionare la sua formazione e le sua tecnica scultorea: dapprima presso la “Fonderia Artistica Battaglia di Milano” presso la quale esplorerà tutti gli aspetti della fusione in bronzo, e in seguito all’Accademia di Belle Arti di Carrara, dove approfondirà le tecniche di lavorazione del marmo.

Trasferitasi in Ticino nel 1994, affianca all’attività artistica anche l’insegnamento, collaborando con numerose scuole e associazioni del territorio.


l'opera

Artista dalla prevalente vocazione figurativa, Gabriela Spector porta nella sua scultura emozioni, gesti e memorie, profondamente legati alla propria esperienza personale.

La sua attività artistica si sviluppa in due filoni di ricerca distinti uno scultoreo fatto di gessi, marmi e bronzi e l’altro pittorico e tuttavia accomunati dalla medesima attenzione per l’intimità della figura umana.

In particolare i temi del corpo e della maternità sono al centro del progetto “Voglia di Pancia” – calchi di corpi di donne in gravidanza a rappresentare il desiderio stesso della maternità – concretizzatosi nel 2002 in una mostra e in un volume che racconta le esperienze delle donne coinvolte.

Al tema del migrare, del viaggio, intimamente connesso alla tradizione “errante” familiare, sono invece legati i progetti “Mappe della memoria” e “Madretierra Mapas”, scaturiti dal ritrovamento di un cospicuo fondo di carte geografiche. Carte che l’artista ha trasformato e utilizzato per dare vita a opere scultoree e pittoriche nella quali il mondo diventa sfondo e tela su cui raccontare, in ultima analisi, nuovamente l’uomo, i grovigli delle sue mappe interiori, i paesaggi nascosti della sua anima.

Aspetti che restano centrali anche nel più recente ciclo di scultura “Poesia quotidiana”.
Ha realizzato anche opere su commissione,di medie e grandi dimensioni, e lavora costantemente allo sviluppo di nuovi progetti.
le mostre

Gabriela Spector ha esposto le sue opere in numerose mostre personali e collettive, sia in gallerie private sia in spazi pubblici, in Argentina, Italia, Svizzera, ma anche in Austria, Bolivia, Messico e Stati Uniti.

Principali esposizioni
1995    Casa Argentina, Roma. Italia.
Esculturas, Centro Cultural General San Martín, Buenos Aires. Argentina.
Centro Cultural de la Universidad Nacional de Tucumán. Argentina.
1999    El país del silencio, Galleria Artemondo, Saronno. Italia.
            Los conjurados, Galerie Rahn, Zurich. Svizzera.
2000//2002/2009    Galerie Elfi Bohrer, Bonstetten. Zurigo.
2002    Voglia di pancia, Ospedale della Beata Vergine di Mendrisio. Svizzera.
2005    Skupturen, Galerie Im Kies, Altach. Austria.
2007    Mappe della Memoria, Sala delle grasce Pietrasanta. Italia.
2009    Mappe, Museo di Belle Arti di Tucumán, Argentina.
2010    Mappe, Centro Culturale Borges, Buenos Aires. Argentina.
2012    "Madreterra" Maison de l'argentine, Parigi. Francia.
2013    "Ou nous allons, d'ou nous venons" Galleria dell' Ambasciata argentina a Parigi, Francia.
2015    Arte e archeologia industriale. Polus <(ex fabbrica di tabacco) Balerna. Svizzera.

Fiere d’arte
1996    Montreaux
1997    Padova
2001    Vienna
2005    Zurigo
2007    Ginevra
2016    Bologna
          Wopart Lugano

i corsi

Disegno / pittura / scultura per giovani e adulti, gruppi ridotti.
© 2017 GABRIELA SPECTOR


Torna ai contenuti